Tag Archives: controllo qualità non distruttivo

Impiego di stroboscopi per la misura di velocità, la manutenzione preventiva e la verifica di difetti di stampa

Stroboscopi portatili Xeon alta luminosità
Stroboscopi portatili Xeon alta luminosità

Applicazioni di misura di velocità e di qualità di stampa nell’industria tipografica, direttamente in linea di produzione , senza fermo macchina o rallentamento del processo.

Applicazioni di osservazione di movimenti ripetitivi per la determinazione di eventuali errori di montaggio o di usura preventiva di organi in movimento.

Visualizzazione della misura su display facilmente leggibile e comandi predisposti per una facile sincronizzazione del numero di flash al secondo con il processo sotto osservazione.

Modelli alimentati a batteria per un facile ed agevole trasporto oppure con alimentazione da rete per applicazioni fisse su linee di produzione.

Gli stroboscopi sono strumenti che permettono di osservare e studiare un oggetto in un moto, che può essere rotatorio o oscillatorio, come se fosse fermo, nonché misurarne la velocità.

Il principio di funzionamento si basa sull’osservazione, in condizioni di scarsa illuminazione, dell’oggetto in movimento costante, illuminato da brevissimi lampi di luce di forte intensità.

Quando si osserva una immagine perfettamente ferma dell’oggetto in moto significa che la frequenza di lampeggio dello stroboscopio coincide con la velocità di rotazione o del moto oscillatorio, si può quindi leggere sullo strumento la misura della velocità stessa, senza alcun contatto con il meccanismo in movimento

L’elemento principale è costituito da una speciale lampada allo xeno oppure a LED in grado di emettere fino a 5000 lampi al secondo, ovvero 300000 al minuto. Questo valore molto elevato di frequenza permette di osservare un oggetto che si sposta in modo ciclico, vibra o ruota sul proprio asse anche a frequenze molto elevate.

Read more

RIMAS – Sistema robotizzato per l’ispezione, la misura e l’assemblaggio di particolari meccanici

Sistema robotizzato per l’ispezione automatica di particolari meccanici in linea di produzione

Utilizzato per l’assemblaggio di particolari meccanici e per il controllo qualità non distruttivo.

Ampia gamma di misure e di tecnologie utilizzabili ( telecamere, scanner laser, eddy current, celle torsiometriche, dinamometri, micrometri laser, marcatura laser )

Elevata personalizzazione ed integrazione nella linea di produzione o nel flusso produttivo esistente.

RODER SRL presenta RIMAS , la nuova cella robotizzata per ispezione, misura, assemblaggio di particolari meccanici e controllo qualità non distruttivo.

L’isola di produzione RIMAS ( Robotic Inspection Measurement Assembly System ) consente di gestire in modo facile ed intuitivo molte fasi di controllo e assemblaggio tipiche del settore industriale :

  • Ispezione ottica di particolari meccanici in linea di produzione ( presenza particolari / assenza particolari / colore dei componenti / corretta disposizione particolari )
  • Misura di caratteristiche meccaniche e geometriche ( altezze, diametri, planarità, profondità, oscillazioni, localizzazioni )
  • Misura delle caratteristiche di integrità ( controllo cricche, controllo magnetico composizione materiali, ispezione visiva e controllo difetti )
  • Assemblaggio di particolari meccanici
  • Controllo di forza e di coppia
  • Marcatura di componenti con tecnologia LASER, getto d’inchiostro, percussione
  • Dosaggio di fluidi, colle e resine
  • Controllo di profilo con scanner 3D e con sistemi di misura a contatto

Isola di verifica che consente il controllo non distruttivo di particolari meccanici
direttamente in linea di produzione. E’ caratterizzata da una piattaforma autonoma che
integra un manipolatore automatico in grado di prelevare il pezzo direttamente dalla linea
di produzione ( sia su pallet orientati che su tappeto scorrevole con riconoscimento
automatico dell’orientamento del pezzo ). Il manipolatore porta il particolare da controllare
nella zona di controllo dove sono presenti uno o più strumenti di misura ( durometri,
profilometri, rugosimetri, sonde eddy-current, strumenti multiquota, rotondimetri o qualsiasi
altro strumento di misura automatico ). Dopo aver effettuato il controllo il manipolatore
provvede a riportare il particolare direttamente nel flusso produttivo della linea se l’esito è
positivo. In caso di non conformità il sistema porta il particolare fuori linea per la
successiva analisi e se necessario provvede ad effettuare la regolazione dei parametri
produttivi o lo stop controllato del processo produttivo.